Main Page Sitemap

Last news

Problema: Da quando ho comprato mio problema è proprio il rumore.Il tutto condito da un annunci erotici 69 inconfodibile accento romagnolo.Per quei due urli la domenica, per quel sangue che singer gogol bordello gli sale alla testa è disposto a..
Read more
Non che un dibattito etico non vi sia anche nei Paesi più tolleranti, ma la questione del proibizionismo evidentemente tocca questioni non soltanto etiche, ma anche di opportunità economiche e fiscali: è giusto che queste lavoratrici vecchia troia che scopa..
Read more
Escort Roma, annunci personali donne.Accedi gratis al loro telefono o email e contattali.Escort ed incontri con ragazze escort - escort ucraina napoli, annunci erotici di escort, gigolò, transessuali, coppie, mistress, master, schiavi, omosessuali, lesbiche e gang bang.Donne e ragazze escort..
Read more

Tossire un bordello





Proviamo, con la nuova metodologia: tre righe senza senso, e una riga mia, ingannare il lettore non incontri sesso modena è un reato che distrugga la coscienza se il 99 dei lettori, oramai, non sia malato di immunodeficienza, cerco di aprire il vocabolario «a cazzo» e, dotatomi.
Ho tanta stanchezza sulle spalle.
Botto botto, o colpo colpo, o tiro tiro : Uccide le quaglie colpo colpo.
Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello!Sogno un mondo allincontrario, da Pinocchio, in cui allarrivo dei gendarmi col pennacchio tutti i Valeri ottusi vengano arrestati e ogni nonna Angela assunta a direttore di supermercati.La sala X del museo della scrittura è dedicata a me, famigerato Orfeo, buffone da circo intento a strappare i deficienti dalle braccia di Morfeo, io che non esisto, me che non esiste,.v.a.n.Educato in un mix d'aggressività e bellezza, avendo come metro Ares e Afrodite, miti nel mito d'un adolescente conscio di dover crescer senza debolezza, all'ombra di una madre attenta ad ogni ruga con un marito assente e molti amanti, schiavo d'un fratellastro fragile, Antéros si diede.Scarti di magazzino, 2013 * Hyperversi Domandandoci, con candore, cosa ci sia accaduto di tanto strano da farci rimanere, entrambi, a sacrificar fondi d'intonaco, chiamandoci in ufficio, a mezzanotte d'un venerdì sera, ci ritroviamo, all'erta, irti d'aculei erti sulla bocca del cannone e dello stomaco.Tomaio: Il tomaio potrebbe passare, ma il suolo ha un paolo.
Non cercate rime stabili, odori a ritmo di sardana, mistica arcana, non mi servono trucchi, ombretti per vestirmi da puttana.
Tovaglia; tavaia del aitar, drappo; tavaia de simone troia più colori, Gelone.
Consiste nellutilizzo in senso figurato di una parola che ne sostituisce unaltra sulla base di un rapporto di contiguità logica, a differenza della metafora, che è molto più libera.
Stasera, è morta come muore il cielo, col dolore di non essere chiamato al banchetto dei ricordi, di non esser riciclato, con l'insolenza dello scrittore illuso, condannato a declamare, dicendo a Cesare ciò che è di Cesare, e addio, a un Dio da contraltare.(Cadono distanti per terra con dolce rumore.) Gridano a squarciagola in un fuoco di guerra.Un tuberoso e du mammole.Se dici che non vuoi una «storia donna assediata da voci adulatorie, a che ti serve il mio cuor da cantastorie votato a trasformar conquiste in rotte, tu, novella Dulcinea (io Don Chisciotte desiderosa solo dottenere in dote un nuovo amico sacerdote.Gli amici, restano, vanno, svaniscono nelle nebbie infartuate di città nuclearizzate.Sei larcobaleno tossico che colora i mari di pioggia delle città industriali, stingendo mi macchi i vestiti, mi dipingi il viso, rivolandomi addosso, contamini di radioattività i miei movimenti, costringendomi ad insinuarti sottocute, sei lo splendore del combattimento e della resa, del combattimento e della.Non trovar luogo: r Sono indisposto e non trovo luogo oggi; no trovarse fora, met.Tiffe taffe, o tiffe taffete.Annego la mia fragilità in cocktail di alcool, Delorazepam e Paroxetina, mi immergo nella lotta sondando Bauman, distante da una generazione allevata a cocaina, convertendomi in menestrello dovrei assomigliare a un elfo, non ad un troll- canto con la sgraziata cacofonia, in un capannone industriale.Basso, feriale, ordinario, triviale, rozzo.Uomo senza denti, sorriso stentato, non lasciare che vendano i tuoi intenti nelle sale d'un'asta d'antiquariato, non lasciare che ridano dei tuoi vestiti stinti, delle tue storie d'amore caotiche come labirinti.Il piazzale torna calmo.




[L_RANDNUM-10-999]
Sitemap