Main Page Sitemap

Last news

Annunci da 1 a 15.Annunci, annunci pubblicati : 1403, copyright Hardiente Italia Escort, Massaggi erotici, Donna cerca uomo Sito vietato ai minori di 18 anni m/.Mostra filtri, perfeziona la categoria, iscriviti a questa ricerca, perfeziona la categoria.Grazie a dei praticissimi..
Read more
Dic 2017, paola va a casa di Angela che rifiuta di raggiungerlo 11, dic 2017, la tronista architetta una candid camera per conoscere le vere intenzioni dei corteggiatori, commenta la puntata.Tutti gli annunci presenti nella sezione di Milano sono moderati..
Read more
Cathedral, built in 1093 in a graceful weave of architectural styles.Byzantines, first as a defensive fortress against.Check-in Date August 18September 18October 18November bordello tirana 18December 18January 19February 19March 19April 19May 19June 19July.Coppia matura scopano 07:43 Con la troia in macchina..
Read more

Bordello bolognina




bordello bolognina

Una scelta che mamme troie italiane gratis avviene allindomani della manifestazione dell11 novembre, in cui migliaia di comunisti -in larga parte giovani- sono scesi in piazza a Roma, testimoniando la forza conquistata da PC e FGC con limpegno militante nella classe operaia, tra le masse popolari, nei quartieri delle.
Presentare le liste in tutta Italia è una sfida.
Non ci interessa difendere un sistema, quello della rappresentanza borghese, che è morto e sepolto dalla crescente astensione.Per lemancipazione dei lavoratori non basta come prospettiva lapplicazione della Costituzione.Gli elettori italiani alle Politiche del 2018 troveranno il vero e unico simbolo comunista.Altro che Liberi e Uguali.Noi non lo faremo.Non serve spacciare come rivoluzionari programmi che si risolvono in un misto di ricette riformiste e movimentiste, che hanno già condotto al fallimento.Rigettiamo da subito gli appelli al voto utile e allunità con queste forze, per fermare lavanzata della destra.Guardiamo a milioni di lavoratori, di giovani, di pensionati, di donne che oggi vivono sulla propria pelle le contraddizioni del capitalismo.Facciamo della lista del PC la lista aperta, di tutti i comunisti, delle avanguardie delle lotte, dei lavoratori e delle lavoratrici che pensano che la questione comunista in Italia non sia chiusa, che la lotta per labbattimento del capitalismo e la costruzione del socialismo.
L'unica forza anti-sistema e anti-capitalistica e realmente dalla parte delle lavoratrici e dei lavoratori.
Crediamo che la questione comunista, che è la questione dellemancipazione dei lavoratori dalla propria condizione di subalternità e della presa del potere politico, possa avanzare solo senza compromessi, senza nascondersi, senza ammainare la propria bandiera.
Altro che Partito Democratico.
Quello fedele alla storia e alla tradizione di Marx e Lenin e alle lotte operaie e del proletariato.
La falce e il martello non sono affatto superati e mentre le varie anime della sinistra si dividono tra improbabili sigle vecchie e nuove, Marco Rizzo si prepara a correre alle elezioni politiche con il vero Partito Comunista.
Non vogliamo lasciare i lavoratori, i disoccupati e i pensionati di questo paese ostaggio di una finta alternativa tra la destra, i cinque stelle, il centrosinistra, pilastri fondamentali del disegno e delle politiche filo-padronali e antipopolari.
Non è tempo di stare alla finestra, ma di sostenere con forza e convinzione la ricostruzione comunista in Italia.Presentare il simbolo comunista alle elezioni serve a rafforzarne lorganizzazione, ad utilizzare ogni spazio minimo residuo concesso per parlare con le masse sfruttate e oppresse.Vogliamo scardinare quel sistema.Non crediamo che la classe operaia possa essere rappresentata da Grasso, dai DAlema e dal gruppo dirigente pro-Bolognina fuoriuscito dal PD, primo responsabile dellattacco ai diritti dei lavoratori, dellaccettazione dei diktat della Troika, dei tagli alla spesa sociale, alla sanità e alla scuola pubblica.Il nostro programma non sarà un programma elettorale ma un programma di lotta.Questa proposta non è stata raccolta, preferendo la strada delle alleanze più larghe, della costruzione di fronti di sinistra ed anche di nuove esperienze politiche.Se i rapporti di forza sono sfavorevoli non è solo per il contesto storico, ma perché troppo spesso anche le avanguardie hanno deciso di arretrare.



Lavoriamo per unire le lotte, per abbandonare ogni illusione riformista e inconcludente, per dire apertamente che solo il socialismo è la soluzione per il futuro dei lavoratori e delle classi popolari.
Dopo anni di assenza dei comunisti nella principale competizione elettorale, che ha privato i lavoratori dellunico voto utile alla difesa dei propri interessi, crediamo sia necessario restituire alla classe operaia e alle classi popolari la possibilità di tornare a votare per il Partito Comunista.


[L_RANDNUM-10-999]
Sitemap